Sicilia nel Mondo

La prima comunitĂ  virtuale di siciliani nel mondo, fondata nel 1999

Etna

Accadde oggi in Sicilia

1847 Arrivano a Lampedusa in visita ufficiale il re Ferdinando II di Borbone, la moglie Maria Teresa d'Asburgo e il figlio, il futuro re Francesco II.

Altri eventi

Biblioteca

Salvatore Equizzi
La civata
La Cartografica

Salvatore Equizzi - La civata Leggi la scheda
Ricetta del giorno

Lu Tianu


Lu Tianu Leggi la ricetta

Citazione del giorno

Pancia mia, fatti capanna finché dura questa manna

Approfittare delle occasioni favorevoli prima che sia tardi

Shopping

Pignolata messinese

Pignolata messinese artigianale di 500 grammi. Gusto limone e cioccolato.

Pignolata messinese Vai al negozio
Scritti vari

Gli spaghetti sono... cosa nostra

S.B.

Gli spaghetti, simbolo della cucina italiana, hanno radici antiche che affondano nella storia della Sicilia. Un viaggio tra sapori e tradizioni che raccontano la cultura di un'isola.

Gli spaghetti sono... cosa nostra Leggi il testo completo

Proverbio

Segnalato da Salvo Catarella

'Nta vucca chiusa un trasinu muschi.

Leggi altro
Poesia

Li ziti

Autore anonimo

LU ZITU: Aeri mi dicisti:
'Dumani pò videmu,
si me mammuzza 'un c'é
nui ninni fuemu.'
Ora manca pi tia,
chi tò mammuzza 'un c'é,
e siddru mi voi beni
dimmi 'na vota sì.
LA ZITA: Parla, Ninuzzu, parla
si chistu lu pò fari,
si chisti desideri
mi li pò fari passari.
LU ZITU: Dimmi. Sisiddra, dimmi,
chi ssù 'sti to paroli?
Sugnu a li to cumanni,
dimmi soccu ci voli.
LA ZITA: Quannu ni maritamu
m'ha fari la vistina,
cu li vrazza di fora
e supra di sita fina.
Culuri di la carni
vogghiu li me quasetti
e 'ntra la facciuzza
ci vogghiu li russetti;
lu nivuri nta l'occhi,
lu russu nta li labbra;
Lu cappiddruzzu novo,
li scarpi cu li scocchi.
Pi fari lu manciari
vogghiu la cucinera
e pi fari li sirvizza
vogghiu la cammarera.
Sei iorna la simana
a lu tiatru a' ghiri
e poi la duminica
mi vogghiu divirtiri:
a' ghiri a Sferracavallu
pi 'na scampagnateddra
e mi nni vogghiu scinniri
cu la panza a ciarameddra.
LU ZITU: 'Na cosa ti scurdasti,
ca currivu t'arresta,
tu ti metti li causi
e ghié mi mettu la vesta.
'Ngrasciata sulennissima,
chissi proposti sunnu?
Pi ddrocu 'un ci abbasta
'na burza senza funnu.
'Un sugnu re di coppi,
di spati o di dinari,
dunni li vaiu a pigghiu
tutti sti dinari?
Lu sai chi ti dicu?
Dammi l'aneddru chi ti detti,
cu chissu mi vaju a pagu
la tassa di li schetti,
accussì arrestu libbiro
e unn' aju a cu pinzari.

Leggi altro