English version Versione italiana Versión en español
Accessi da Gennaio 2000

Google Play

Regala la Sicilia Scrivici Libro degli Ospiti

Lu suli e la luna


di Armando Carruba

Segnala ad un amico Stampa

‘N jornu lu suli si firmò nto celu,
‘a luna dissi: ssì cammuria veru!
ppo’ ‘ssiri ca tutti ‘i siri tt’agghiri
a fari ‘u beddu bagnu ‘nta lu mari,
e oggi ca sugnu parata a festa
arresti fermu à taliari ‘a chiazza?
Ohu, nun circari ‘a scusa cchiù cretina
ca scuppiasti o ti finiu benzina;
avanti cumincia prestu a tacchiari
ca ora ‘nto celu haiu ‘ccumpariri.
Docu ‘u suli si quariò e rispusi:
ju sugnu omu e nun cercu scusi
sugnu nta sta chiazza c’aspettu ‘a Santa
ca nun ci viri povira mischinedda;
e ccu li beddi raggi chini d’amuri
mi vogghiu vasari ‘i sarausani
veni à diri ca tu spunti dumani
oggi no! haiu anticchia di chiffari.
Intanto tra spari, botti, battimani,
‘ccumpariu ‘a Santa ‘a Cattedrali,
e mentri ‘a prucissioni caminava
“ebbiva Santa Lucia!” si sinteva.
Addopu ‘n pizzuddu ‘i purtaturi
erunu tutti nta mari di sururi,
‘a fatica troppu granni si faceva
sutta ddu gran suli, ca carni pirciava.
Lucia capiu ‘a situazioni
e parrannu all’aricchi di lu suli
ci sciusciò alleggiu sti duci paroli:
Ti ringraziu ppi ‘u to’ granni amuri
ma ora viri, tu suli tti ‘nna ghiri,
ora ci voli la to’ cumpagna luna
pp’arrifriscari tutti sti criatura
ca m’hanu ‘a pur tari ‘a la burgata
e tu lu sai quantu è longa ‘a strada.
‘U suli mutu e sulu si nni stava
signu ca stu fattu ci dispiaceva,
la Santa capiu e disse ancora:
Luna, nun ‘ssiri accussì priscialora!
lu tridici dicembri di ogni anno
‘u suli ‘nta lu mari nun si fa bagnu,
accumpagnari ‘a luna di darreri
affari insumma va’ da cavalieri.
Idda si desi na bedda annacata
e nta lu celu fici ‘a so’ trasuta,
lu firmamentu? ca tuttu ‘n brillanti
lu suli arreri, la luna avanti;
e se per caso tu talii nto celu
e nun ti lu sa spiegari stu misteru
com’è che tutto è ben illuminato…
u fattu è chistu e l’haiu cuntatu.

Traduzione: Il sole e la luna

Un giorno il sole si fermò in cielo
la luna disse: sei una scocciatura davvero!
è possibile che tutte le sere devi andare
a farti un bel bagno a mare
e oggi che sono vestita a festa
resti fermo a guardare la piazza?
Oh non cercare scuse cretine
che hai forato o ti è finita la benzina
avanti comincia presto a camminare
che adesso in cielo io devo entrare.
A questo punto il sole si scaldò e rispose:
Io sono un uomo e non cerco scuse
sono in piazza ad aspettar la Santa
che non vede la meschinella
e con i miei raggi pieni d’amore
voglio baciare i siracusani
vuol dire che tu spunti domani
oggi no! ho da fare.
Intanto tra spari, botti e applausi,
comparve la Santa in Cattedrale
e mentre la processione camminava
”Evviva Santa Lucia” si sentiva.
Dopo un po’ i portatori
erano in un mare di sudore
la fatica era grande
sotto quel sole infuocato
Lucia capì la situazione
e parlando all’orecchio del sole
sussurrò queste parole:
Ti ringrazio per il tuo amore grande
ma vedi, tu sole devi andartene
ora ci vuole la tua compagna luna
per rinfrescare tutta questa gente
che mi devono portare alla borgata
e tu lo sai quanto è lunga la strada.
Il sole muto e solo se ne stava
segno che questo fatto gli dispiaceva
la Santa lo capì e disse ancora:
luna non essere così frettolosa!
il tredici dicembre di ogni anno
il sole nel mare non si fa il bagno
deve accompagnare di dietro la luna
deve fare insomma da cavaliere.
Lei si diede una bella mossettina
e nel cielo fece la sua entrata
il firmamento? Tutto un brillante
il sole dietro e la luna avanti;
e se per caso tu guardi in cielo
e non ti sai spiegare questo mistero
perché è tutto ben illuminato?
il fatto è questo e l’ho raccontato.

Indietro