English version Versione italiana Versión en español
Accessi da Gennaio 2000

Google Play

Regala la Sicilia Scrivici Libro degli Ospiti

Casa Antica


di Oreste Reale (*)

Segnala ad un amico Stampa

Picchì, sorti stravaganti, picchì
tornu ancora ccà `nta la casa antica
ch`adura ancora di l`aduri miu?
Li rivordi mi pigghianu pi manu
davanti a `sta porta virdi
ch`ì lastri puliti, unni chiangi
l`acqua quannu chiovi e sbrinzìa.
Ancora c`è ddà filazza aperta
d`unni trasi lu stissu spicchiu di suli
ch`arrusbigghiava ddu putruni di me` frati.
A picca a picca jornu si fanu li pinzeri
e lu cristallu c`haju dintra
fa granni granni li rivordi.
Lu sonnu si fa materia
e lu pinzeri vuci, a manu a manu,
pi purtarimi dda musica d`angili
ca facevanu li me` soru, ciciuliannu.
"Zitti malaccriati, ca gnu patri riposa"
Tagghiata `ntra luci e ummira, la viru
l`impronta ruci ri la me` matruzza
Matri, picchì si mori?
Ju puru matri? e tu?
"Ninna vò... dormi e sonna... fai la vò"
E s`affunnava dintra a lu so pettu
na facciuzza nica nica
cu dui occhi sbacantati
pi na paura granni granni.

Questa poesia è figlia di LA CASA ANTICA, in "Acque diafane" di Oreste Reale.

La Casa Antica

Perchè, sorte stravagante,
perchè torno ancora qui,
nella casa antica
che profuma d`infanzia?
I ricordi mi prendono per mano.
Sfilano,
davanti alla mia meditazione,
torme d`immagini rifratte
che l`interiore cristallo
ingigantisce.
Rivivo ancora,
tolta la polvere del tempo,
la festevole sensazione
che pervadeva la casa,
sin dalle prime ore mattinali,
all`acre odore di stufato.
Un battere d`imposte,
uno scrosciare di pioggia
che piange sui vetri dell`uscio,
un raggio di sole
sul bianco lenzuolo
che desta i gemelli.
Oh, batte nel polso mio
ancora l`immagine fiera
del padre autore
e l`altera sua solitudine
io rispetto oggi
che tanto straniero mi sento.
Ora non sono più quello.
Non stride più
la mia giovane esuberanza
e non conturba
la quiete delusa
di quella storia
vecchia e stanca.


(*) ORESTE REALE nacque a Siracusa l`8 luglio 1927 da famiglia benestante.
Si occupò di teatro come autore, attore e regista.
Nel 1974 ricevette il premio "Carlo Capodieci" per la sezione "poesia".
Scrisse anche articoli su temi storico-ambientali.
Morì nell`estate del 2004.

Indietro