English version Versione italiana Versión en español
Accessi da Gennaio 2000

Google Play

Regala la Sicilia Scrivici Libro degli Ospiti

U `pani cauru


di Enzo Buscemi

Segnala ad un amico Stampa

’U scaniaturi
supra ru segghi

era sistimatu

’u sbriuni calava e ccianava
’a pasta ‘mpastata
scaniava

" bbuonu mi pari "

u bbeni ‘i ddiu paria

cco cutieddu na
cruci
si cci facia

intantu u furnu si iardia

" stu panuzzu e` ppi
Maria
e sti ttri nciminati
a mama` a ma purtari "

cchi ciavuru ri
pani cauru

na scaccia a miezzu furnu
subbutu si sciurnau
ccu l`uogghiu e arifunu na cunzammu

mentri Milina u cruscenti
ppi nautra
mpastata priparau

nta minutu a scaccia na mmuccammu

Traduzione: Il pane caldo

La spianatoia era sistemata su due sedie.
La gramola* saliva e scendeva e schiacciava la pasta.
“Mi sembra buona.”
Il ben di Dio sembrava.
Con il coltello vi si faceva sopra una croce.
Intanto si scaldava il forno.
Questo buon pane è per Maria
e questi tre pani con il cimino
dobbiamo portarli alla mamma.
Che profumo di pane caldo!
Subito si è tirata fuori dal forno una schiacciata.
Ce la siamo condita con olio e origano.
Mentre Melina preparava il lievito per un’altra infornata
in un minuto abbiamo divorato la schiacciata.



* Gramola: arnese usato nei panifici per rendere soda la pasta

Indietro