Accessi da Gennaio 2000
Scrivici Libro degli Ospiti

Lu sceccu di senia

Segnala ad un amico

La senia, acquerello di Paola Chiofalo

Nel nono secolo la Sicilia fu conquistata dagli Arabi che vi rimasero quasi trecento anni. Essi portarono nuove conoscenze e rivoluzionarie tecniche in tutti i campi. In agricoltura furono fortemente innovativi per quanto riguarda l'irrigazione dei terreni grazie alla cosiddetta senia, che serviva a tirare acqua dai pozzi.
In un ampio pozzo veniva installata una macchina di legno costituita da un nastro trasportatore verticale (nel caso specifico si trattava di una fune) teso fra due tamburi rotanti e munito di numerose brocche (quartari); queste, arrivate in fondo, si riempivano d'acqua e risalivano versando il loro contenuto in un'ampia vasca (gebbia).
Il movimento rotatorio veniva generato da un animale da soma (asino o mulo) legato ad una trave orizzontale direttamente collegata alla senia. L'animale. bendato, girava attorno al pozzo in continuazione e, grazie ad un sistema di ruote dentate, faceva ruotare i tamburi e quindi la fune con le brocche.
Si trattava di un ingegnoso sistema per procurarsi dell'acqua in grande quantità con basso consumo di tempo e di energie. Una macchina di tal genere in lingua italiana si chiama bindolo.
La facilità d'irrigare i terreni permise ai siciliani la realizzazione di lussureggianti giardini. Ancor oggi in qualche parte della Sicilia per indicare un giardino si dice senia.
Da senia deriva il verbo siniari che significa lavorare in modo pesante e monotono.
Sceccu di senia è detto colui che è sottoposto a lavori duri, sempre uguali e mal remunerati.

Commenti
20/04/2019 - Gaetano Blundo ha scritto:
Molto chiaro ed interessante. Io sto realizzando una "senia" in miniatura cosý come la ricordo da bambino la vedevo funzionare in campagna.
Castello di noria in in pietra lavorata, catenaria, ruota motrice e "catusi" in rame, e "gebbia" in pietra.Penso di realizzare un pezzo di terreno coltivato, ed il tutto forse diventerÓ un presepio.

Indietro