English version Versione italiana Versión en español
Accessi da Gennaio 2000

Google Play

Regala la Sicilia Scrivici Libro degli Ospiti

Testimonanze di siciliani all'estero

LA STORIA DELLA SIGNORA ROSA

Segnala ad un amico

La nostra amica Alicia Mogavero ci ha scritto dall'Argentina per parlarci di una donna siciliana, Rosa Piscitelli, dal carattere forte, come tante donne della nostra terra che, quando hanno perso i mezzi di sostentamento, si rimboccano le maniche per portare avanti la famiglia e assicurare ai figli una vita dignitosa.

La sua storia merita di essere raccontata.

Molti anni addietro la signora Rosa si preparava a raggiungere il marito nella città di Olavarria, in Argentina, con i figli Rosalia, Teresa, Rosario e Biagio. Purtroppo alla vigilia della partenza le arrivò la notizia che il marito era rimasto vittima di un incidente nella fabbrica di cemento presso la quale lavorava. Rosa partì ugualmente perché da quel momento la responsabilità della famiglia era tutta sulle sue spalle e doveva cercare di sfamare i suoi figli.

Dopo molto tempo suo figlio Rosario Cangemi è tornato in Sicilia con sua moglie, Elsa, che é figlia di siciliani di San Marco d'Alunzio. Nella loro terra sono stati accolti calorosamente dalla famiglia Cangemi di Militello Rosmarino. Addirittura in quell'occasione è stata scritta una poesia, che forse dal punto di vista stilistico lascia un poco a desiderare, ma vale molto per i sentimenti che l'hanno generata.

Alicia ci ha chiesto di farla conoscere agli amici di Sicilia nel mondo e noi esaudiamo con piacere il suo desiderio.

La nostra amica dell'Argentina c'informa pure che Rosario, sua moglie Elsa e suo cognato Carlos (sposo di Rosalía e figlio di un altro immigrato siciliano) fanno parte dell'Associazione Famiglia Siciliana di Olavarría, che quest'anno compie 30 anni di vita.

I VERSI SCRITTI PER ROSARIO E SUA MOGLIE

“Stasira na storia vi volemu cuntari

non è finta, ma reali.

Tant'anni fa, na fimmina curaggiusa

cu 4 figghi e senza maritu

partiu pi na terra luntana.

Cu 4 figghi nichi ri sfamari

iappi na vita ri travagghiari;

nta na terra luntana e senza aviri a nuddu

i figghi crisceru

e a 10 anni puru iddi a travagghiari sinni ieru.

Cu sacrifici e stenti a vita cu tempu ci canciò

e finalmente u beni c'arrivò.

Ora dopu tant'anni nta so terra riturnaru

e tutti i parenti rincuntraru.

Stasira niautru tutti semu cuntenti,

picchi sta manciata vosumu fari

pi festeggiari a sti 2 parenti.

Ora tutti i bicchieri a manu avemu a pigghiari

e un brindisi avemu a fari.

Speremu chi quannu partiti ri niautri non vi scurdati

picchi a famigghia Cangemi nto cori sempre vi teni

e sti mumenti beddi non poti scurdari.

Paci e saluti vi vulemu augurari

e sempre mumenti beddi ancora ri passari.

Vi vogliamo bene la famiglia Cangemi”

Commenti
17/04/2009 - marco ha scritto:
la sicilia e una bella isola perchè non venite a farci una vacanza

Indietro