English version Versione italiana Versión en español
Accessi da Gennaio 2000

Google Play

Regala la Sicilia Scrivici Libro degli Ospiti Sicilia Viaggi

Il libro degli ospiti

Pagina 2 di 10

10/02/2017 17:04:33
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

Vàrdati di omu ca nun parra, e di cani ca nun abbaia
Diffida dell`uomo che non esprime la sua opinione, e del cane che non abbaia (perchè ti potrà assalire improvvisamente)

06/02/2017 16:27:18
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

CUCINA SICILIANA DI MARE
Acciughe marinate
Ingredienti per 4 persone:
* 500 gr di acciughe fresche
* 2 spicchi d`aglio (facoltativo)
* 2 dl di succo di limone
* 1 ciuffo di prezzemolo
* olio extravergine d`oliva
* 1 peperoncino rosso piccante
Pulite le acciughe, apritele a libro e privatele della lisca; poi, lavatele e asciugatele con cura. Stendetele in un largo piatto fondo che le contenga in un solo strato, con la parte interna verso l`alto. Versate il succo di limone, in modo che ne rimangono totalmente coperte (eventualmente ne aggiungerete un altro) e lasciatele marinare in luogo fresco per 24 ore, coperte con un foglio di pellicola. Trascorso il tempo necessario, scolate le acciughe dal liquido di macerazione e trasferitele in un piatto di portata.
Condite il pesce con un filo d`olio, un trito di prezzemolo, qualche fettina d`aglio, scaglie di peperoncino e una presa di sale e lasciate insaporire per almeno un`ora.

24/01/2017 20:25:01
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione



LU SCOGGHIU E LU DIAMANTI

Cu` appi oricchi di ascutari
di li petri lu parrari
zoccu `ntisi lassau scrittu
di li posteri a profittu;
cioé a diri l`auti vanti
ca lu Scogghiu e lu Diamanti
iddi stissi si adattaru,
e a `stu modu li spiegaru.

Lu scogghiu:
Ju non sugnu luminusu
ma giganti machinusu.

Lu Diamanti:
Ed ju picciulu e lucenti
tiru a mia li sguardi attenti.

"Varii `ntrà `stu munnu
li criaturi sunnu,
ma d`iddi ognunu ha
li proprii qualità".

Venerando Ganci

24/01/2017 17:02:26
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione



MINESTRA DI LENTICCHIE

Per una notte, lasciare ammollare in acqua poco salata 600 gr di lenticchie, che cuocerete poi in acqua abbondante, con l`aggiunta di mezza cipolla, 1 costa di sedano, sale e pepe. Preparate adesso, in una pentola di coccio, con mezzo bicchiere d`olio, un soffritto di aglio e cipolla, al quale poi aggiungerete 4 pomodori privi di semi e tagliati grossonalmente. Quando questa salsa sarà cotta, versatevi le lenticchie ben scolate: portate a ebollizione e lasciate cuocere per 10 minuti. A parte, cuocete 400 g di pasta corta e, quando vi parrà al dente, scolatela e versatela nel recipiente con le lenticchie. Lasciate sobbollire per 1 o 2 minuti, quindi togliere la pentola dal fuoco e copritela. Servite la minestra dopo 5 minuti, con pecorino o caciocavallo grattuggiato.

24/01/2017 17:01:23
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

MINESTRA DI LINTICCHI

Dintra `na pignata d`acqua, cu pocu sali, lassati ammuddari pi `na nuttata sana, 600 gr `i linticchi. Poi cucitili in acqua abbunnanti cu mezza cipudda, `na tistuzza d`accia, sali e pipi.
Suffrijti dintra `na pignata `i crita, mezza cipudda e `nu spicchiu d`agghia cu tanticchia d`ogghiu e, a culuri giustu, calatici quattru oumadoru pilati. Fattu `u sucu, jttatici i linticchi sculati e `nsapuritili pi` deci minuti.
A parti, faciti cociri 400 gr d`attuppateddi, sculatili e juncitili a li linticchi.
Un minutu di cuttura e `mpiattati cu picurinu o caciucavaddu `rattatu.

23/01/2017 17:42:41
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione



RISOTTO AL MANDARINO DI SICILIA

Ingredienti:
* 2 mandarini (110 g)
* 500 g di riso
* 30 g di brandy o cognac
* 30 g di burro
* 1oo g di parmigiano grattuggiato
* 1 lt di brodo vegetale
* 40 g di olio extravergine d`oliva

Lavare i mandarini e tagliare la buccia. Spremere i mandarini e tenere il succo da parte. Soffriggere leggermente le bucce in 4 cucchiai di olio extravergine d`oliva, aggiungere il riso, e lasciare tostare due minuti, sfumare con il brandy e portare a cottura aggiungendo piano piano il brodo vegetale ben caldo. Quasi a cottura ultimata, aggiungere il succo dei mandarini. Finite la cottura e a fuoco spento mantecare il risotto con il burro ed il formaggio grattuggiato.

23/01/2017 17:41:02
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

RISOTTU `O MANNARINU SICILIANU

`Ngridienti:
* 2 mannarini di 100 g
* 500 g `i risu
* 30 g `i brandy o cognac
* 30 g di burru
* 100 g di parmigianu `rattatu
* 1 lt `i broru vigitali
* 40 g di ogghiu illibatu

Lavari i mannarini e livarici a scorcia. Mungiri i mannarini e tiniri `u sucu a parti. Suffrjiri alleggiu i scorci `ntà 4 cucchiara d`ogghiu chiddu illibatu, juncirici `u risu, e lassallu tustari ppi 2 minuti, sfumannu ccu brandy e purtari a cottura juncennu chianu chianu `u bruru vigitali cauru cauru. Quasi a cottura finuta juncirici `u sucu dde` mannarina. Finiri `a cottura e a focu `stutatu, miscari `u risottu cco` burru e `u furmaggiu `rattatu

23/01/2017 17:41:01
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

RISOTTU `O MANNARINU SICILIANU

`Ngridienti:
* 2 mannarini di 100 g
* 500 g `i risu
* 30 g `i brandy o cognac
* 30 g di burru
* 100 g di parmigianu `rattatu
* 1 lt `i broru vigitali
* 40 g di ogghiu illibatu

Lavari i mannarini e livarici a scorcia. Mungiri i mannarini e tiniri `u sucu a parti. Suffrjiri alleggiu i scorci `ntà 4 cucchiara d`ogghiu chiddu illibatu, juncirici `u risu, e lassallu tustari ppi 2 minuti, sfumannu ccu brandy e purtari a cottura juncennu chianu chianu `u bruru vigitali cauru cauru. Quasi a cottura finuta juncirici `u sucu dde` mannarina. Finiri `a cottura e a focu `stutatu, miscari `u risottu cco` burru e `u furmaggiu `rattatu

19/01/2017 11:28:58
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

BEDDA CCI VOI VINIRI DI NATURA

Ti cridi, ca ti stà ssa cammisola
binchì tutta è girata di burdura?
ssa vesti, ssu mimì, ssa scilla a stola
ti fanu la cchiù brutta criatura;
ccu ssu culuri poi di mustazzola
pari un veru diavulu in figura.
Ammatula ti allisci, e fai cannola
bedda cci voi viniri di natura.

Vincenzo Bondice

BELLA SI DEVE ESSERE DI NATURA - Credi ti stia quesa camiciola benché tutta adornata di bordura? La veste col mimì, lo scialle a stola, ti fanno la più brutta creatura; con questo tuo color di mostacciola sembri un vero diavolo in figura. Invano tu t`allisci e fai ricciòla, bella si deve esser di natura.

17/01/2017 11:02:20
Nome claudia
E-Mail
URL
Nazione italia

Un caro saluto a tutti i siciliani nel mondo, in particolare a Simone e ad Armando che scrive cin costanza, certo in ricordo dei bei tempi, quando ancora FACEBUCCHE non era stato inventato.

L`augurio di buon anno che porti a tutti serenità.

17/01/2017 10:48:44
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

SITI D`AMURI

Alleggiu Alleggiu `u scuru mori
lassannu `u mari ddo` tempu
abbrazzatu `o sò duluri

Alleggiu alleggiu pitta
`ntà tila dda` vita
`n cori novu pigghia ciatu

Alleggiu alleggiu nasci `n amuri
senti a jurnata ca ti pigghia
e ti fa ballari `a tarantella

Armando Carruba

17/01/2017 10:17:48
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

AVIRI `U CARVUNI VAGNATU
(avere il carbone bagnato)

Vuol dire avere qualcosa da rimproverare alla coscienza. Pensare al male fatto. L`espressione nasce dall`abitudine che avevano i venditori di carbone, di bagnarlo per farlo pesare di più.

14/01/2017 12:11:51
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

CAINU E ABELI

- Sùpira `ssu discursu vi `gannati:
"Cu` pecura si fa" dici l`anticu,
"lu lupu si la mangia" Tistïati?
Ma `ntantu v`arrispunnu, caru amicu:

Abeli morsi a manu di so` frati:
ma pirchì morsi? - Pirch`era chiù nicu!
- Chi c` entra l`aità, chi `ncucchiati?
Morsi pirch`era un veru... beccaficu!

Sudd`era Abeli ju, quannu Cainu
accuminciava a carramari sorvi
e mi spuntáva `u primu cricchimiddu...

- Sintemu, chi faceuru, don Tinu?...
- Ca... ci `mmiscava `n corpu di reorvi,
e tempu nenti facìa Abeli ad iddu!

Nino Martoglio

13/01/2017 12:14:31
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

A `NFRUENZA

- E chi sacciu, cummari Pruvirenza!...
Ju sempri dicu, `ntra la me` `gnuranza,
ca siddu non facemu pinitenza
muremu tutti, nobili e mastranza!...

L`èbbichi su` canciati!... La `mprudenza
di l`omu è tali ca non c`è spiranza
di sarvarini l`arma e la cuscenza...
E paradisu nuddu, chiù nn`accanza!

A `dd`èbbica chi c`era `sta `nfruenza,
e chi c`era - parrannu ccu crianza -
`stu corpu sempri sciotu, `n pirmanenza?

Chista è manu di Diu ca non si scanza!...
E vui, bellu, parrannu `n cunfidenza,
macari l`âti fattu, ôcche mancanza!...

Nino Martoglio

Note. - `A nfruenza (l`influenza) - Chi sacciu (che so) - Siddu (se) - L`èbbichi (le epoche, i tempi) -
Nuddu (nessuno) - Accanza (da accanzari: ottenere conseguire) - Sciotu (sciolto) - Ãti (avete) -
Õcche (qualche).

12/01/2017 18:24:57
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

Brrr chi friddu picciotti mei! Ed ecco istantaneamenti `na ricetta sbriciula sbriciula ppo` friddu... E `na duna in puisia nientepocodimeno che Giovanni Meli!




RICETTA PRI LU FRIDDU

Recipe un cammarinu addammusatu,
`na buffitedda `mmenzu, e li tarocchi,
`na braciera di bocu, e amici a latu,
chi fumanu, e pipianu locchi locchi;
cileccu, turca e cappucciu calatu,
petrafennula dura comu rocchi,
rosoli, cuddureddi, e poi muscatu,
poi lettu, e `na mugghieri cu li fiocchi.

Giuvanni Meli

RICETTA CONTRO IL FREDDO

Prescrivo un camerino con la volta
un tavolino a centro, e i tarocchi,
un braciere di fuoco, e amici a lato,
che fumano la pipa trasognati;
panciotto, turca, e cappuccio calato,
torrone duro come rocce,
rosoli, ciambelline, e poi moscato,
poi letto, e una moglie con i fiocchi.

Giovanni Meli

12/01/2017 18:24:56
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

Brrr chi friddu picciotti mei! Ed ecco istantaneamenti `na ricetta sbriciula sbriciula ppo` friddu... E `na duna in puisia nientepocodimeno che Giovanni Meli!




RICETTA PRI LU FRIDDU

Recipe un cammarinu addammusatu,
`na buffitedda `mmenzu, e li tarocchi,
`na braciera di bocu, e amici a latu,
chi fumanu, e pipianu locchi locchi;
cileccu, turca e cappucciu calatu,
petrafennula dura comu rocchi,
rosoli, cuddureddi, e poi muscatu,
poi lettu, e `na mugghieri cu li fiocchi.

Giuvanni Meli

RICETTA CONTRO IL FREDDO

Prescrivo un camerino con la volta
un tavolino a centro, e i tarocchi,
un braciere di fuoco, e amici a lato,
che fumano la pipa trasognati;
panciotto, turca, e cappuccio calato,
torrone duro come rocce,
rosoli, ciambelline, e poi moscato,
poi letto, e una moglie con i fiocchi.

Giovanni Meli

12/01/2017 17:48:20
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione


L`EMIGRANTE

Come profumava il pane a casa mia!
Mia madre lo preparava,
con le sue mani.
Lo condiva col sale
e con l`amore
e la speranza.
A colline di creta, gialle,
martoriato dal sole
e dall`arsura,
al suo padrone,
mio padre lo strappava.
Qui le case odorano di carni
e di grasso;
la gente non veste di nero:
tutto risplende di cromi d`acciaio e di luci.
I bimbi sono biondi
e vanno con le scarpe;
non soffrono il freddo
e la fame.
L`acqua dipinge di verde
le colline e i prati
ed è buono il mio padrone,
mi fa bere con lui,
quando s`ubriaca.
Eppure penso sempre
al sole che mi ha tinto la pelle
alla gente del mio paese,
che veste di nero,
al mio pane.
Mia madre lo preparava
con le sue mani
e lo condiva col sale
e con l`amore,
e con la speranza.
Come profumava il pane a casa mia!

Michele Papa

12/01/2017 16:51:32
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

STIZZI DI CELU

`Ntà `n cocciu
`i mari,
si chiurìu
`na stizza
`i celu.
Ccu amuri,
l`unni
`nnacaru ddù celu
`ntà ddu` cocciu
`i mari,
e mutu mutu
si persi
`ntà rina
ccò suli.
Occhi janchi
si purtaru
ddà stizza `i celu
e `a biddizza
ddà vita
desi ciatu
`o cuntu
di `n`eternitati
carusa.

Armando Carruba

11/01/2017 12:29:18
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

SCICCANZA

Sceccu chi havi fami, mància d`ogni strami

Scecchi e buttani: dàticci a manciari

`U sceccu pensa `na cosa, `u patruni nni pensa `n`àutra

Quannu `u sceccu ragghia o voli orzu, o voli pagghia

Sa vo` chi `u sceccu bivi, frìscacci!

`U sceccu unni cadi `na vota non cci cadi cchiù

Sceccu puta e Diu fa racina

Cu` non po` dari `o sceccu duna a varda

(continua)

10/01/2017 11:42:52
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

SCICCANZA

`U sceccu sapi `a strata da casa

Sceccu cadutu, isalu ppa` cuda

`U sceccu pensa sempri `na cosa

`U sceccu vecchiu, nun torna pudditru

Sceccu ch`addimura... torna càrricu

Sceccu e mulu, càrricalu `i culu

A ogni sceccu piaci `u so` ràgghiu

Sceccu ch`arràgghia, nun mancia pàgghia

`U sceccu crisci e `a vardedda accurza

`U sceccu nun mancia pani

Sceccu chi nun si canusci, cavaddu si cridi

Sceccu vantatu `n prima si curca

`U sceccu havi `a cuda pi `n aviri `u culu a nuda

(continua)

<< Indietro
Aggiungi un messaggio
Archivio
Avanti >>