English version Versione italiana Versiˇn en espa˝ol
Accessi da Gennaio 2000

Google Play

Regala la Sicilia Scrivici Libro degli Ospiti

Parlare siciliano

Pagina 2 di 9

Segnalato da Salvo Catarella
Invia ad un amico
Aspittari e `un viniri,
iri a tavula e `un mangiari,
iri a liettu e `un durmiri
su tri peni di muriri.
Traduzione
Aspettare e non vedere arrivare,
sedersi a tavola e non mangiare,
andare a letto e non dormire
sono tre pene che possono far morire.

Invia ad un amico
Frivalora, Cannilora, Brasilora,
si nun chiovi e nun fa nivi
la `mmirnata Ú sciuta fora.
S`iddru chiovi e fa nivi
quaranta jorna nn`avemu ancora.
Traduzione
Primo di febbraio, 2 febbraio (Candelora), 3 febbraio (Festa di San Biagio),
se non piove e non fa neve
siamo fuori dall`inverno.
Se piove e fa neve
ne avremo ancora per quaranta giorni.
(Antica previsione meteorologica a lunga scadenza.)

Segnalato da Armando Carruba
Invia ad un amico
Megghiu `n amicu `n chiazza,
ca cent`unzi `nta sacchetta!
Traduzione
Meglio un amico in piazza
che cento onze in tasca.

Invia ad un amico
Fari lu giru di la zita.
Traduzione
Fare il giro della sposa.
(Le spose, quando andavano in chiesa a piedi facevano un lungo giro per farsi ammirare. Significa: o parlando o camminando fare un giro pi¨ lungo del necessario.)

Invia ad un amico
La cuscenza di lu lupu. S`ý a cunfissari picchý s`avýa manciatu `na pecura senza sali.
Traduzione
La coscienza del lupo. E` andato a confessarsi perchÚ aveva mangiato una pecora senza sale. (Gli era sembrato un peccato mangiarla in quel modo!)
Si usa quest`espressione per quelli che vanno parlando di coscienza, ma in realtÓ non sanno distinguere il bene dal male.

Invia ad un amico
Ancilu di la vera luci,
iti ni ... e ci iccati tri vuci.
S`Ú assittatu `na trantuliata,
s`Ú a l`addritta un fischiu a l`oricchia,
faciti chi pigghiassi lu cappeddu pi benirisinni.
Traduzione
Angelo della vera luce,
andate da ... (pronunciare il nome che interessa) e chiamatelo per tre volte.
Se Ú seduto dategli una scossa,
se Ú in piedi fischiategli nell`orecchio,
fate che prenda il cappello per tornarsene a casa.
(Significato: Gli antichi recitavano questa preghiera per tre volte e con grande devozione quando qualcuno della famiglia ritardava e l`angoscia cominciava a crescere. Dove ci sono i puntini manca il nome della persona attesa.)

Segnalato da Salvo Catarella
Invia ad un amico
D`un vistitu mancu na cuoppula!
Traduzione
Non riuscire a ricavare disfacendo un intero vestito nemmeno un berretto, disfare senza riuscire a
costruire nulla.

Invia ad un amico
La seguente formula di scongiuro, con delle varianti, era segretissima e chi la conosceva poteva insegnarla ad altri soltanto la notte di Natale, altrimenti essa non avrebbe avuto efficacia.

Orazioni contru la draunara

Chi cosa terribbili c`Ŕ mmezzu a lu mari,
c`Ŕ un serpenti
chi si mancia lu mari, la terra e li genti.
Ora pigghiu lu cuteddu pi lu manicu,
lu rapu e ci tagghiu
la cura, la vucca e li denti.
Traduzione
Formula di scongiuro contro la tromba d`aria

Che cosa terribile c`Ŕ in mezzo al mare,
c`Ŕ un serpente
che divora il mare, la terra e le persone.
Ora prendo il coltello per il manico,
lo apro e gli taglio
la coda, la bocca e i denti.

Invia ad un amico
E cu ci l`attacca sta ciancianedda a lu attu?
Traduzione
E chi Ú disposto ad appendere al collo del gatto questo campanellino?
(I topi, per sentire arrivare il gatto, decisero di legargli un campanellino al collo, ma nessuno ebbe il coraggio di farlo. Si usa quest`espressione quando non si sa quali conseguenze possono derivare da un`impresa molto rischiosa.)

Invia ad un amico
- A cu `stu prisintuni?
- A vui, matri Batissa.
- A mia `stu prisinticchiu?
Traduzione
- A chi questo gran dono?
- A voi, madre Badessa.
- A me questo piccolo dono?
(La suora tagliava una fetta di torta che la Badessa giudicava grossa, pensando che fosse di un`altra. Quando seppe ch`era per lei la trov˛ piccola. Si usa quest`espressione per canzonare chi per sÚ considera insufficiente ci˛ che per gli altri ritiene eccessivo.)

Pagina Precedente Pagina successiva