English version Versione italiana Versión en español
Accessi da Gennaio 2000

Google Play

Regala la Sicilia Scrivici Libro degli Ospiti

Il carrubo


Nella Cusumano Lombardo

Invia questa curiosità

Foto di Nella Cusumano Lombardo

In molte zone della nostra Sicilia il carrubo era molto diffuso e significava per noi ragazzi un sicuro dispensatore di frescura e di spazio perché la sua folta chioma e le dimensioni dei rami frondosi creavano vaste zone d’ombra, come piccole oasi nei campi assolati e riarsi di questa isola. Trascorrere una giornata estiva all’ombra di un carrubo era una gioia riservata a quanti potevano recarsi in campagna percorrendo a piedi alcuni kilometri nelle ore più fresche, cioè alle sei del mattino, e portando una colazione composta di uova sode, pane, pomodoro e olive verdi. Così le “scampagnate” degli anni ‘50 venivano organizzate dagli adulti che noi ragazzi seguivamo con entusiasmo perché a Cannamasca, zona bagnata dal fiume Verdura, c’era un grande albero di carrubo ad aspettarci, c’erano i granchi di fiume che venivano catturati e arrostiti alla brace, c’era la frutta raccolta all’albero di prugne o di albicocche.
Il nostro albero amico esiste ancora nelle zone meridionali e insulari, forse proviene dall’Asia minore, cresce spontaneamente anche a 600 metri di altitudine e raggiunge anche i 20 metri di altezza. Gli arabi lo chiamarono “kharrùb”, da qui il termine italiano, a parte quello specifico di “ceratonia siliqua”. I frutti, a forma di baccello, contengono dei piccoli semi, tutti uguali per forma e per peso e in passato venivano usati come unità di misura per l’oro, dato che in arabo seme di carrubo viene detto “qiràt” e in greco “keraàtion” tradotto poi in “carato”. La farina di carruba è usata dalle industrie alimentari come sostituto del cacao, per preparare bevande e condimenti e la gomma viene ampiamente adoperata in fitoterapia, dall’industria farmaceutica e dai laboratori di ricerca.
I poeti a noi più vicini hanno immortalato il carrubo nei loro versi; così Salvatore Quasimodo nella lirica Lamento per il sud: … “le cantilene dei carri lungo le strade/ dove il carrubo trema nel fumo delle stoppie”… e i versi di Eugenio Montale in Altro effetto di luna: ... “la trama del carrubo che si profila/ nuda contro l’azzurro sonnolento”…. Ogni albero porta con sé un mondo di affetti, di sensazioni, di immagini che noi riusciamo a tradurre in parole, magiche se evocano luoghi e tempi del nostri vissuto … E se il carrubo potesse parlare? Direbbe tante cose che noi mortali ignoriamo.

Indietro