English version Versione italiana Versión en español
Accessi da Gennaio 2000

Google Play

Regala la Sicilia Scrivici Libro degli Ospiti Sicilia Viaggi

Il libro degli ospiti

Pagina 1 di 10

15/04/2017 22:39:42
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

Buona Pasqua a tutti voi! Al professore Simone al poeta Federico, a Concetto e Santina ... a tutti e quannu scrivu tutti siti pappiddaveru TUTTI accussì. BUONA PASQUA ! Amore

15/04/2017 22:39:41
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

Buona Pasqua a tutti voi! Al professore Simone al poeta Federico, a Concetto e Santina ... a tutti e quannu scrivu tutti siti pappiddaveru TUTTI accussì. BUONA PASQUA ! Amore

13/04/2017 07:34:54
Nome Fefé
E-Mail federico.vaccaro@poste.it
URL
Nazione S.P.Q.P.

Vassabenedica a tutti! Da tanto, tanto tempo, non aprivo questo caro libro! Vi trovo, nelle ultime pagine, il fedelissimo Armando con Bianca (che mi ha fatto tornare la voglia di preparare un po` di acciughe marinate). Allora, per primi a loro, insieme all`amato Professore, gli auguri per questa Santa Pasqua. Carissimi, grazie per l` ossigeno che date a questa "creatura" dimenticata dai più. Buona Pasqua a tutti gli antichi amici, a tutti i lettori ed a chiunque ha nel cuore il sentimento della Speranza. Buona Pasqua! Amore Sorriso

10/04/2017 17:48:38
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

SCIOGLILINGUA SICILIANO

A lu puzzu di me` ze` Mezzino dei Pazzi
c`era `na pazza chi lavava pizzi e pezzi
vinni me` ze` Mezzino dei Pazzi
pigghia la pazza, le pezzi e li pizzi
e li jetta `ntò puzzu di li pazzi

Al pozzo di mio zio Mezzino dei pazzi
c`era una pazza che lavava pizzi e pezze
venne mio zio Mezzino dei pazzi
prende la pazza, le pezze e i pizzi
e li butta nel pozzo dei pazzi

popolare

06/03/2017 11:58:40
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

LU CAVADDU

C`era un cavaddu di beddi fattizzi
baiu di pilatura, e avia un gran passu,
era l`invidia pri li soi biddizzi,
e quann`iddu niscia facìa fracassu.
Lu so patruni ci facia carizzi,
lu vulia beni, e l`avia fattu grassu
ma `ntra lu megghiu di li valintizzi
nna coscia si spizzau `ntra un malu passu.
D`iddu ogni musca si `mpussessa allura,
ogni sceccu chiù vili lu rimpetta,
ricivi cauci, e muzzicuni ogn`ura
cu lu stimava, la sò morti aspetta.
O quantu ddu proverbiu m`innamura:
All`arvulu cadutu, accetta, accetta.

Giuseppe Marraffino

28/02/2017 17:42:53
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

LU SCECCU E LU SCIUMI

Passava un sciumi trubulu
un sceccu carricatu,
e stentu e gran fastiddiu
pruvava sfurtunatu.
Li pedi ca cci ncoddinu
ntra ddu fangusu lettu;
e la sciumara acchianacci
ppri fina nta lu pettu.
Per unni lamintannusi
stu miseru dicia:
Oh sciumi chi martiriu
ca fusti tu ppri mia!
Parra lu Sciumi all`asinu,
e dici: Oh, a ssi guai
si cci darrà rimeddiu,
non passa tantu assai.
Quannu dui misi scursiru
l`asinu ca si trova,
a lu passu medesimu
vitti na cosa nova:
Un bellu ponti autu
vitti, e ntra sè dicia:
Dunca sta granni fabbrica
tocca ammuntari a mia?
O Sciumi tu mi liberi
di un mali ccu autru mali.
A cui lu Sciumi: zittuti
o stupidu animali.
Menzu nun c`è; eligiti
lu fangu, o l`acchianari;
ca tutti dui l`incommodi
no, non li poi scansari.
Passu di sciumi trubulu
sta vita è affannata:
Suffriri è necessaiu
o l`acqua o l`acchianata.

Venerando Gangi

28/02/2017 16:53:44
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

SPAGHETTI AI RICCI DI MARE

Ingredienti per 4 persone:
* 400 gr di spaghetti
* 80 ricci (equivalenti a 2 bicchieri di plastica che vendono generalmente al mercato al prezzo di euro 10 circa a bicchiere)
* 1/2 bicchiere d`olio extravergine d`oliva
* 2 spicchi d`aglio
* 1 mazzetto di prezzemolo
* sale e pepe

Aprite i ricci con apposito utensile o con un paio di forbici e recuperare le uova, trasferendole in una terrina.
Pestate l`aglio nel mortaio con ua presa di sale; versate il composto in una ciotola e incorporate il prezzemolo tritato, l`olio (leggermente scaldato a bagnomaria) e una spolverata di pepe.
Mescolate, quindi, la salsina alle uova dei ricci e lasciate riposare.
Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata; sgocciolateli al dente e conditeli con il sugo preparato

24/02/2017 17:18:51
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

`U LUNI PI` STRATA E `U MARTIRI CA` FAMIGGHIA
Il lunedì per strada e il martedì con la famiglia

E` riferito naturalmente al carnevale nei paesi dov`era praticata la pastorizia. La domenica i padroni facevano festa, e il giorno seguente davano il cambio ai pastori. Questi passavano il lunedì in cammino per poter fare festa con la famiglia il martedì.

23/02/2017 12:49:51
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

Lu jovidi grassu cu` nun havi dinari s`arrusica l`ossu.
Il giovedì grasso chi non ha soldi risicchia l`osso.

Mentre tutti fanno festa ballando e trippando, c`è qualcuno che sta in disparte per mancanza di pecunia o altro.

22/02/2017 16:48:20
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione


Lu fissa cu` è? Carnilivari o cu` ci curri appressu?
Lo sciocco chi è? Carnevale o chi gli corre appresso?

Rimprovero con cui si usa riprendere qualcuno che si lamenta di essere stato ingannato o preso in giro.

10/02/2017 17:04:33
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

Vàrdati di omu ca nun parra, e di cani ca nun abbaia
Diffida dell`uomo che non esprime la sua opinione, e del cane che non abbaia (perchè ti potrà assalire improvvisamente)

06/02/2017 16:27:18
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

CUCINA SICILIANA DI MARE
Acciughe marinate
Ingredienti per 4 persone:
* 500 gr di acciughe fresche
* 2 spicchi d`aglio (facoltativo)
* 2 dl di succo di limone
* 1 ciuffo di prezzemolo
* olio extravergine d`oliva
* 1 peperoncino rosso piccante
Pulite le acciughe, apritele a libro e privatele della lisca; poi, lavatele e asciugatele con cura. Stendetele in un largo piatto fondo che le contenga in un solo strato, con la parte interna verso l`alto. Versate il succo di limone, in modo che ne rimangono totalmente coperte (eventualmente ne aggiungerete un altro) e lasciatele marinare in luogo fresco per 24 ore, coperte con un foglio di pellicola. Trascorso il tempo necessario, scolate le acciughe dal liquido di macerazione e trasferitele in un piatto di portata.
Condite il pesce con un filo d`olio, un trito di prezzemolo, qualche fettina d`aglio, scaglie di peperoncino e una presa di sale e lasciate insaporire per almeno un`ora.

24/01/2017 20:25:01
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione



LU SCOGGHIU E LU DIAMANTI

Cu` appi oricchi di ascutari
di li petri lu parrari
zoccu `ntisi lassau scrittu
di li posteri a profittu;
cioé a diri l`auti vanti
ca lu Scogghiu e lu Diamanti
iddi stissi si adattaru,
e a `stu modu li spiegaru.

Lu scogghiu:
Ju non sugnu luminusu
ma giganti machinusu.

Lu Diamanti:
Ed ju picciulu e lucenti
tiru a mia li sguardi attenti.

"Varii `ntrà `stu munnu
li criaturi sunnu,
ma d`iddi ognunu ha
li proprii qualità".

Venerando Ganci

24/01/2017 17:02:26
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione



MINESTRA DI LENTICCHIE

Per una notte, lasciare ammollare in acqua poco salata 600 gr di lenticchie, che cuocerete poi in acqua abbondante, con l`aggiunta di mezza cipolla, 1 costa di sedano, sale e pepe. Preparate adesso, in una pentola di coccio, con mezzo bicchiere d`olio, un soffritto di aglio e cipolla, al quale poi aggiungerete 4 pomodori privi di semi e tagliati grossonalmente. Quando questa salsa sarà cotta, versatevi le lenticchie ben scolate: portate a ebollizione e lasciate cuocere per 10 minuti. A parte, cuocete 400 g di pasta corta e, quando vi parrà al dente, scolatela e versatela nel recipiente con le lenticchie. Lasciate sobbollire per 1 o 2 minuti, quindi togliere la pentola dal fuoco e copritela. Servite la minestra dopo 5 minuti, con pecorino o caciocavallo grattuggiato.

24/01/2017 17:01:23
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

MINESTRA DI LINTICCHI

Dintra `na pignata d`acqua, cu pocu sali, lassati ammuddari pi `na nuttata sana, 600 gr `i linticchi. Poi cucitili in acqua abbunnanti cu mezza cipudda, `na tistuzza d`accia, sali e pipi.
Suffrijti dintra `na pignata `i crita, mezza cipudda e `nu spicchiu d`agghia cu tanticchia d`ogghiu e, a culuri giustu, calatici quattru oumadoru pilati. Fattu `u sucu, jttatici i linticchi sculati e `nsapuritili pi` deci minuti.
A parti, faciti cociri 400 gr d`attuppateddi, sculatili e juncitili a li linticchi.
Un minutu di cuttura e `mpiattati cu picurinu o caciucavaddu `rattatu.

23/01/2017 17:42:41
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione



RISOTTO AL MANDARINO DI SICILIA

Ingredienti:
* 2 mandarini (110 g)
* 500 g di riso
* 30 g di brandy o cognac
* 30 g di burro
* 1oo g di parmigiano grattuggiato
* 1 lt di brodo vegetale
* 40 g di olio extravergine d`oliva

Lavare i mandarini e tagliare la buccia. Spremere i mandarini e tenere il succo da parte. Soffriggere leggermente le bucce in 4 cucchiai di olio extravergine d`oliva, aggiungere il riso, e lasciare tostare due minuti, sfumare con il brandy e portare a cottura aggiungendo piano piano il brodo vegetale ben caldo. Quasi a cottura ultimata, aggiungere il succo dei mandarini. Finite la cottura e a fuoco spento mantecare il risotto con il burro ed il formaggio grattuggiato.

23/01/2017 17:41:02
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

RISOTTU `O MANNARINU SICILIANU

`Ngridienti:
* 2 mannarini di 100 g
* 500 g `i risu
* 30 g `i brandy o cognac
* 30 g di burru
* 100 g di parmigianu `rattatu
* 1 lt `i broru vigitali
* 40 g di ogghiu illibatu

Lavari i mannarini e livarici a scorcia. Mungiri i mannarini e tiniri `u sucu a parti. Suffrjiri alleggiu i scorci `ntà 4 cucchiara d`ogghiu chiddu illibatu, juncirici `u risu, e lassallu tustari ppi 2 minuti, sfumannu ccu brandy e purtari a cottura juncennu chianu chianu `u bruru vigitali cauru cauru. Quasi a cottura finuta juncirici `u sucu dde` mannarina. Finiri `a cottura e a focu `stutatu, miscari `u risottu cco` burru e `u furmaggiu `rattatu

23/01/2017 17:41:01
Nome Bianca
E-Mail
URL
Nazione

RISOTTU `O MANNARINU SICILIANU

`Ngridienti:
* 2 mannarini di 100 g
* 500 g `i risu
* 30 g `i brandy o cognac
* 30 g di burru
* 100 g di parmigianu `rattatu
* 1 lt `i broru vigitali
* 40 g di ogghiu illibatu

Lavari i mannarini e livarici a scorcia. Mungiri i mannarini e tiniri `u sucu a parti. Suffrjiri alleggiu i scorci `ntà 4 cucchiara d`ogghiu chiddu illibatu, juncirici `u risu, e lassallu tustari ppi 2 minuti, sfumannu ccu brandy e purtari a cottura juncennu chianu chianu `u bruru vigitali cauru cauru. Quasi a cottura finuta juncirici `u sucu dde` mannarina. Finiri `a cottura e a focu `stutatu, miscari `u risottu cco` burru e `u furmaggiu `rattatu

19/01/2017 11:28:58
Nome Armando
E-Mail
URL
Nazione

BEDDA CCI VOI VINIRI DI NATURA

Ti cridi, ca ti stà ssa cammisola
binchì tutta è girata di burdura?
ssa vesti, ssu mimì, ssa scilla a stola
ti fanu la cchiù brutta criatura;
ccu ssu culuri poi di mustazzola
pari un veru diavulu in figura.
Ammatula ti allisci, e fai cannola
bedda cci voi viniri di natura.

Vincenzo Bondice

BELLA SI DEVE ESSERE DI NATURA - Credi ti stia quesa camiciola benché tutta adornata di bordura? La veste col mimì, lo scialle a stola, ti fanno la più brutta creatura; con questo tuo color di mostacciola sembri un vero diavolo in figura. Invano tu t`allisci e fai ricciòla, bella si deve esser di natura.

17/01/2017 11:02:20
Nome claudia
E-Mail
URL
Nazione italia

Un caro saluto a tutti i siciliani nel mondo, in particolare a Simone e ad Armando che scrive cin costanza, certo in ricordo dei bei tempi, quando ancora FACEBUCCHE non era stato inventato.

L`augurio di buon anno che porti a tutti serenità.

<< Indietro
Aggiungi un messaggio
Archivio
Avanti >>